Si può diffidare o essere diffidati via P.E.C.?

Sì. Una diffida ad adempiere inoltrata o ricevuta presso l’indirizzo ufficiale di P.E.C. risultante dai pubblici registri (REGINDE o INI.PEC) ha ex lege il medesimo valore di una formale diffida inoltrata o ricevuta tramite racc. a.r. presso la residenza (se persona fisica) o la sede legale (se persona giuridica). Alla luce di quanto precede - poiché già la sola mera ricezione da parte del mittente degli avvisi di accettazione e della successiva conferma rendono legalmente perfezionato l’inoltro della P.E.C. nei confronti del destinatario (equivalendo a conoscibilità, senza rilevare de facto che quest’ultimo ne possa quindi avere avuto o meno l’effettiva conoscenza) - è onere di ogni singolo titolare monitorare quotidianamente l’eventuale indirizzo di P.E.C. assegnatogli dall’Amministrazione, al fine di evitare la maturazione di malaugurati effetti pregiudizievoli in danno dell’Ateneo.